Password dimenticata?

Sherwood Spicy Interview

presenta Are you real? e Alice Di Lauro

14Maggio2021

Le interviste permettono di entrare in contatto con la storia degli artisti, con i loro sentimenti anche con la loro maschera. Non tutte le risposte sono sincere, non tutte sono fake. Parlano di vite, aneddoti, successi, sogni e difficoltà. La Sherwood Spicy Interview racconterà come una qualsiasi intervista e sul finale alzerà bonariamente il livello di piccantezza, un’intervista dopo l’altra salirà i gradini della scala di Scoville, dall’esotico Jalapeño fino a raggiungere le fiamme del Pepper X.


Livello HOT: chi vuole un Thai Dragon? vincono Are you real? e Alice Di Lauro

Pulsante e dark, sognante ed eterea, riesce ad essere tutto il nuovo singolo di Andrea Liuzza in arte Are You Real? e Alice Di Lauro all'esordio discografico con l'etichetta veneta Beautiful Losers: Hunt Me Down è un intreccio di mani ed intenti, di tempi sospesi e silenzi, del rumore che in sottofondo fa sempre l'anima degli empatici. Vicini alle sonorità di band come i Notwist, con questa intervista cercheremo di addentrarci tra i pensieri di Alice ed Andrea, con quel pizzico di piccantezza a cui la Spicy Interview ci ha abituati

Chi sono Alice ed Andrea?

ALICE: Andrea è un incrocio fra un bambino indaco e un mago alchimista di suoni.

AYR: Alice è una Jedi, la Forza scorre in lei.

Come vi siete conosciuti e come è nata la vostra collaborazione?

ALICE: Ci siamo conosciuti immaginando, senza ancora conoscerci, una performance per il videoclip di un'inedito di Andrea.

AYR: Le ho scritto dopo aver visto le sue foto su Facebook. Come un vecchio bavoso. Per fortuna l’idea del videoclip le è piaciuta. Alla fine la neve e le restrizioni del lockdown ci hanno impedito di fare le riprese, in compenso è nata Hunt Me Down.

Ogni canzone parla a qualcuno o a qualcosa: la vostra Hunt Me Down a chi/cosa si rivolge?

ALICE: Si rivolge ai burattini ma anche a chi li manovra, alla personalità e all'anima di chi ascolta.

AYR: Direi che si rivolge alla parte tattile dell’anima. Come una specie di carezza.

Quali sono i vostri ascolti? che cosa vi ispira?

ALICE: Le fusa dei miei gatti, le voci dei bambini da cui sono circondata ogni giorno.

AYR: Sono cresciuto con Radiohead e Pink Floyd. Ultimamente il pop mi sta aprendo nuove prospettive: Billie Eilish, Lorde. Ma anche cose come Apparat, Soap&Skin. Mi piacciono i suoni elettronici uniti alla voce umana.

il video che ha lanciato Hunt Me Down mi ricorda molto la danza teatro, il performer da strada: che rapporto avete con il movimento corporeo e la comunicazione in tal senso?

ALICE: Non posso farne a meno, è una droga.

AYR: Mi piace molto, quello degli altri. Io sto bene fermo. Da piccolo volevo essere una sfera di pensiero disincarnato. Ho provato a radicarmi. Apprezzo il corpo per rare cose: camminare nel bosco, le coccole, mangiare. Per il resto abito in un regno ultraterreno.

Partiamo con le domandi speziate: come vi piacerebbe raccontare il mondo della musica di oggi ad un futuro voi?

AYR: Questa è difficile. Direi: futuro Andrea, spero non ti sia lasciato intimorire dalla trap! Ma chissà poi come sarà la musica nel futuro… Spero solo la smettano di usare l’autotune.

Per la vostra musica utilizzate la lingua inglese: senza dubbio vi sarà capitato che vi sia stata in qualche modo contestata la scelta. Cosa provate nella vostra intimità quando qualcuno vi critica per questo?

AYR: Sento nascere una voce che dice: ehi, ma perché non lo chiedi a Bjork 

Vi sentite a casa in Italia? cosa cambiereste di questo paese se aveste una bacchetta magica?

ALICE: Con la bacchetta magica apro gli occhi definitivamente a tutte le persone che hanno figli piccoli: che possano vederli davvero, scegliere l'umanità e cambiare la propria vita quotidiana.

AYR: Mi sento felice di essere italiano solo per la pizza, l’arte del ‘400 e la Resistenza. Per il resto vorrei che la smettessimo tutti con questi rigurgiti di nazionalismo. Se avessi una bacchetta magica, vorrei mostrare alle persone che sono esseri umani, non italiani.

Quale è l'artista italiano, famoso o meno a vostro avviso più sottovalutato ad oggi?

ALICE: Are You Real

 
 

Beautiful Losers

Alice di Lauro FB

Are you real? FB

Are you real? IG

 
 

Commenti

Per inserire un commento devi effettuare il login utilizzando il modulo in alto a destra.

Sei nuovo? Registrati subito utilizzando il modulo di iscrizione che trovi qui.

CalendarioSherwood
MappaSherwood
loading... loading...