Password dimenticata?

Della Nuova Onda Italiana

da tsunami a risacca sul bagnasciuga di Gabicce

15Maggio2014

**{antefatto}**

l'altra sera si chiaccherava del piú e del meno tra amici ascoltando una compilation appena sfornata. Per mancanza di tempo, ultimamente 'vado di compila' in modalitá alfabetica e per cartella, impossibile trovare il tempo per la classica compila mixata e 'ragionata' quando hai centinaia di titoli per cartella e decine di cartelle e zero tempo a disposizione da dedicare ad un lavoro che neanche un monaco amanuense e certosino.

**{svolgimento}**

ad un certo punto attacca "Xaviera Hollander" dei Diaframma [ogni tanto amo inserire vecchi ricordi tra le cose nuove e meno nuove] e il silenzio piomba tra i presenti.

**{nota importante}**

quello che sto usando é un esempio, cito i Diaframma ma potrei indicare decine di altre formazioni new-wave italiane, compresa anche quella dei "miei" Death in Venice.

**{verso la conclusione}**

ci guardiamo tutti negli occhi e iniziamo timidamente a sorridere fino a confessarci reciprocamente che il pezzo in questione, ascoltato senza il background di ricordi, butta parecchio sull'inascoltabile sia dal punto di vista musicale, sia come cantato.

**{quasi conclusioni}**

una domanda sorge quindi spontanea tra tutti noi presenti - tutta gente che Segue il Suono e ha vissuto quel periodo -: se si ascolta un qualsiasi "Love will tear us apart" (altro esempio a caso) l'impatto é sempre lo stesso o quasi, il pathos fatica a scendere di grado, il basso continua ad essere "quel maledetto basso", quella canzone continua ad avere un fottuto senso.

 IAN CURTIS

**{domanda finale}**

Perché allora gran parte del suono new-wave italiano ora risulta poco ascoltabile da parte di chi quei dischi li ha consumati in etá giovane ma neanche poi tanto giovane?

**{conclusioni}**

eravamo per l'appunto "giovani", a prescindere dalla reale etá: 18, 25 o 30 anni. Eravamo immersi totalmente dentro un mondo a parte, dentro una realtá nuova che pensavamo potesse vivere autonomamente da quella originaria d'oltre Manica. Non riuscivamo a comprendere quale fosse realmente la differenza tra i maestri e i rispettabili allievi. Il Tempo ci ha permesso di capirla, l'esperienza e l'abitudine alla critica nell'ascolto, ci ha permesso di capirla. Questo nulla toglie a tutte quelle bands che si nutrivano di oscuritá e malessere, da par mio le ricorderó sempre con enorme affetto, come si ricorda un caro amico oramai perduto nel naturale silenzio della lontananza.

 
 

Commenti

Per inserire un commento devi effettuare il login utilizzando il modulo in alto a destra.

Sei nuovo? Registrati subito utilizzando il modulo di iscrizione che trovi qui.

CalendarioSherwood
MappaSherwood
loading... loading...