Password dimenticata?

L'esproprio selvaggio di ENI e il dopoguerra infinito di Kosovo e Congo

Grande presenza di pubblico anche nella quarta giornata del Terra di Tutti Film Festival

14Ottobre2013

L'apertura del pomeriggio è dedicata ad un focus sui balcani, con proiezione de La transumanza della pace di Roberta Biagiarelli e Kosovo versus Kosovo di Valerio Bassan, Andrea Legni e Domenico Palazzi.

Questi ultimi hanno raccontato ai nostri microfoni, il loro viaggio attraverso una realtà dimenticata dai media, a 14 anni di distanza dal conflitto. Il film documenta le difficili condizioni di vita della minoranza serba rimasta a vivere in Kosovo, contrassegnata da una totale assenza di libertà di movimento. In una fase in cui, spinti dalle pressioni europee, i governi di Kosovo e Serbia hanno avviato una serie di colloqui per normalizzare i rapporti politici tra i due stati, la vita della minoranza serba in Kosovo (circa 150mila persone) continua infatti ad essere segnata dalla mancanza di diritti e dalle aggressioni ancora frequenti da parte di gruppi ultranazionalisti albanesi, che sognano un Kosovo etnicamente puro.

Nel salotto di Radio Kairos interviene anche Antonio Spanò, per raccontarci il suo The silent chaos. Un altro documentario che testimonia un dopoguerra segnato da discriminazione e violenza ai danni di una minoranza. Siamo in Congo, dopo anni di sanguinosa guerra civile, infatti, la società congolese ha perduto la propria identità, mentre la superstizione e l'arcaismo rimangono gli unici elementi unificanti rimasti alla popolazione. Questo permette ai ribelli Mai Mai di armarsi per la difesa del territorio, identificando il diverso come una minaccia: in questo caso la popolazione non udente di Butembo.

In serata viene proiettato Terra Nera di Simone Ciani e Danilo Licciarello. Un documentario che svela le attività dell'Eni in Congo e denuncia il progetto di ricerca ed estrazione delle sabbie bituminose sul bacino del fiume Congo, attraverso il quale la multinazionale italiana sta devastando l'ambiente e la società della regione del Kouilou.

Terra Nera, raccontano i registi, è un viaggio tra Canada e Congo tra i custodi delle ultime grandi foreste del pianeta: gli indiani d'America e i nativi congolesi. Due popoli lontani migliaia di chilometri ma uniti da una lotta per la sopravvivenza che è anche la nostra.

 
 

Tratto da:
www.globalproject.info

Links utili:
www.terradituttifilmfestival.org

 
 

Commenti

Per inserire un commento devi effettuare il login utilizzando il modulo in alto a destra.

Sei nuovo? Registrati subito utilizzando il modulo di iscrizione che trovi qui.

CalendarioSherwood
MappaSherwood
loading... loading...