Password dimenticata?

2 Febbraio 2013 - Teatro Toniolo - Mestre (Ve)

Momix - Alchemy

La famosa compagnia di danza al Teatro Toniolo

5Febbraio2013

Ma come faccio io che son barbaro e cialtrone ad andare a teatro a vedere la danza? Ci vuole un animo nobile, sensibile, sprezzante del ridicolo, che sappia cogliere la bellezza là dove io potrei intuire solo balzi plastici e inconcludenti: quindi mi sono portato dietro Lamamma.
Non uscivo il sabato sera con Lamamma dal 1989, quando mi portò al Piper Club di Roma a vedere i Nirvana: “Per te voglio una vita felice: tu devi diventare come questo Cobain, figliolo”, mi ripeteva quel giorno.

Sabato sera, al Toniolo, io e Lamamma abbiamo assistito ad Alchemy, il nuovo spettacolo dei Momix. I Momix, lo dico a me e scusate se scrivo ad alta voce, sono la più famosa compagnia danzante del mondo: ballerini americani, coreografo quel Moses Pendleton che ovunque leggo definito come inguaribile Peter Pan che dà materia ai propri sogni.
Il Toniolo è colmo, il pubblico è trasversale, e noi siamo relegati in un palchetto in fondo alla platea, che si rivela essere una gran comodità.

Inizia lo spettacolo: il sipario si colora di fuoco, la musica sale. “Guarda: sembrano cavalli”, commenta Lamamma “Cosa?” Domando io “Le immagini proiettate sul sipario” “Sono fiamme Lamamma, non cavalli” “Vedrai”. E infatti rimangono fiamme. Lamamma aveva già visto 3 anni fa i Momix, non le avevo spiegato che si trattava di un nuovo allestimento, povera cucciola.

Con mia enorme sorpresa, dopo appena due minuti sono letteralmente rapito: il disegno luci è qualcosa di machiavellico e spettacolare, si susseguono effetti spaventosi, io comincio a fantasticare di trucchi e tracobetti.
Signori miei, la danza nella sua forma più commerciale e popolare è un'arte assolutamente godibile e gaudente anche pel più cinico degli ignoranti!

Non vale la pena arrovellarsi in spiegoni imbarazzati, del tipo qui sono rappresentati i 4 elementi, questa è la nascita, la morte, il ciclo delle stagioni e così via. Qui c'è puro spettacolo: 10 ballerini, con l'aiuto dei cavi comprati sul set de La tigre e il dragone e con abiti di scena più imprevedibili di una tenda Quechua©, sfidano la fisica immersi in un tripudio di colori, di luci e di musiche così iperboliche e sproporzionate che neanche la sigla di inizio trasmissioni di Antenna3 con Così parlò Zarathustra di Strauss.

La danza è una folgorazione, e poco importa se non tutti i danzatori sono sullo stesso livello, se il negro salta un metro più dei caucasici, se due ballerine in confronto alle altre hanno l'agilità e l'espressività di Megaloman. Tanto la prosa puzza di polvere e di chiuso, di topi e di ragni, così la danza è continua ricerca di linguaggio, espressione, tensione: la ragione che resiste all'istinto, l'istinto che si libera della ragione.

C'è dell'assoluto in questa forma di teatro, qui si tenta di dare una parola sempre nuova agli elementi, e questa parola è fatta di corpo e di movimento, di luce e di suono, mai scritta, sempre unica e irripetibile.

Dura poco, un'ora e venti, ma le sorprese scivolano con gran piacere, e la fatica degli interpreti è davvero inumana: difficile chiedere loro di più. Lamamma è contenta della mia contentezza, io sono contento della sua, ed è così che dev'essere in una santa famiglia.

 
 

Links utili:

Tutti le recensioni di Sherwood sugli spettacoli del Teatro Toniolo di Mestre

Il sito ufficiale del Teatro Toniolo di Mestre

 
 

Commenti

Per inserire un commento devi effettuare il login utilizzando il modulo in alto a destra.

Sei nuovo? Registrati subito utilizzando il modulo di iscrizione che trovi qui.

CalendarioSherwood
MappaSherwood
loading... loading...